Cerca il tuo corso di italiano  Scuole

Offerta Formativa
NEWS

Italiano e Accordo Integrazione

Conoscere l'italiano per vivere e lavorare in Italia. L’Accordo di Integrazione è un contratto tra il cittadino immigrato, regolarmente soggiornante in Italia, e lo Stato italiano. L’Accordo viene firmato dai cittadini stranieri maggiori di 16 anni entrati in Italia per la prima volta dopo il 10 marzo 2012, che presentano la domanda per il Permesso di Soggiorno di durata non inferiore a 1 anno. Chi non deve firmare l’Accordo di Integrazione? Non devono firmare l’Accordo di Integrazione: -    I minori di 16 anni; -    I minori non accompagnati sotto tutela; -    Le vittime della tratta di persone, vittime di violenza o di grave sfruttamento; -    Le persone affette da patologie o da disabilità tali da limitare gravemente l'autosufficienza o da determinare gravi difficoltà di apprendimento linguistico e culturale, attestati mediante una certificazione rilasciata da una struttura sanitaria pubblica o da un medico convenzionato con il Servizio sanitario nazionale.   Quando devi firmare l’Accordo Integrazione? Al momento della richiesta del Permesso di soggiorno, che si effettua in Prefettura o in Questura ti verrà chiesto di sottoscrivere l’Accordo. Potrai leggerlo nella tua lingua e ti verrà consegnata una copia da conservare.     Che cosa ti impegni a fare quando firmi l’Accordo di Integrazione? Gli impegni previsti dall’Accordo di Integrazione sono 5: 1.    Conoscere i principi fondamentali della Costituzione della Repubblica italiana e dell’organizzazione e funzionamento delle istituzioni pubbliche in Italia ( es. le elezioni politiche,  Il Governo, la Camera dei deputati, il Comune, le Regioni ecc.); 2.    Imparare la lingua italiana parlata,  almeno al livello A2 (Vd. I liveli del Quadro Comune Europeo); 3.    Conoscere la vita civile in Italia, cioè sapere come funziona il sistema sanitario, la scuola, i servizi sociali, l’organizzazione del lavoro, il sistema delle tasse ecc. 4.    Mandare i figli a scuola rispettando l’obbligo scolastico; 5.    Dichiarare di  essere d’accordo con la Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione (Vd.  Ministero dell’Interno ). Per ognuno di questi impegni  sono previsti dei “crediti”, cioè un numero preciso di punti che devono essere raggiunti  per ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno. Qual è la durata dell’Accordo d’Integrazione? L’Accordo ha la durata di due anni, prorogabile di un altro anno. Un mese prima della scadenza dei due anni lo Sportello Unico  verifica il totale dei “crediti” che hai raggiunto che deve essere pari o maggiori di 30 . - Se allo scadere dei due anni non hai conseguito i 30 crediti, l’accordo viene prorogato di un altro anno alle stesse condizioni; - Se non sei in possesso della documentazione per dimostrare che hai ottenuto i crediti, puoi chiedere di essere sottoposto ad un test di conoscenza della lingua italiana, della cultura civica e della vita civile in Italia; - Se non hai i crediti e non ti sottoponi al test o non lo superi, l’Accordo non è stato rispettato per inadempimento determinando la revoca del permesso di soggiorno o il rifiuto del suo rinnovo . Qual è la prima cosa che devi fare una volta firmato l’Accordo? Una volta firmato l’Accordo ti vengono assegnati 16 punti . Frequentando il corso gratuito di educazione civica, i punti verranno  confermati alla verifica dell’accordo superando il test.     Come fai a frequentare il corso di educazione civica? La Prefettura o la Questura, dipende da dove hai richiesto il primo permesso di soggiorno, ti daranno un appuntamento per partecipare al corso. L’appuntamento ti potrà essere dato subito, al momento della sottoscrizione dell’Accordo, oppure lo potrai verificare qui.   Se non riesci ad andare al corso di educazione civica, cosa succede? ATTENZIONE! Se non riesci ad andare al corso ti vengono tolti 15 punti!! E non avrai la possibilità di rifare il corso in un’altra data. Se sai già che in quel giorno non riesci ad andare devi comunicarlo  prima della data del corso o alla data del corso in caso di malattia o impegno improvviso di lavoro e avere un documento che prova la verità di quello che dici. Ad esempio se sei malato, devi avere un documento del medico, oppure se non puoi per motivi di lavoro devi avere un documento del tuo datore di lavoro. Le comunicazioni devono essere inviate all'indirizzo di posta elettronica  accordo.integrazione.pref_milano@interno.it  indicando sempre: 1)      Identificativo dell'Accordo 2)      Codice fiscale 3)      Dati anagrafici 4)      Indirizzo scuola dove dovevi frequentare il corso   Quanti crediti dà la conoscenza della lingua italiana? L’Accordo di Integrazione ti chiede di conoscere l’italiano parlato, almeno al livello A2, entro 2 anni, con possibilità di proroga fino a massimo 3 anni. Per il livello A2 devi essere capace, per esempio, di fare e rispondere a domande su di te, sulla tua famiglia, sul lavoro, sulla città in cui abiti, su quello che vuoi comprare e quello di cui hai bisogno ecc.  Di seguito viene riportato il numero di crediti che ottieni a seconda di quanto conosci l’italiano:   Livello A1 (solo lingua parlata): 10 crediti riconoscibili  Livello A1: 14 crediti riconoscibili  Livello A2 (solo lingua parlata): 20 crediti riconoscibili  Livello A2: 24 crediti riconoscibili  Livello B1 (solo lingua parlata): 26 crediti riconoscibili  Livello B1: 28 crediti riconoscibili  Livelli superiori a B1: 30 crediti riconoscibili  Che cosa devi fare per imparare la lingua italiana? Per imparare l’italiano puoi frequentare un corso. Nel Portale www.milano.italianostranieri.org puoi cercare il corso più adatto ai tuoi bisogni e alle tue esigenze (per livello, orari, vicinanza  alla tua casa, costo o meno)  Attenzione: NON TUTTI I CORSI TI DANNO UN DOCUMENTO VALIDO PER L’ATTESTAZIONE DEL LIVELLO DI ITALIANO CHE HAI RAGGIUNTO! Quali corsi danno l’Attestazione? L’Attestazione è un documento, diverso dalla “certificazione”, che dimostra che conosci la lingua italiana fino ad un certo livello. L’attestazione viene rilasciata da: -    I CTP, Centri Territoriali Permanenti ( Vd. Elenco ) ; -    I corsi convenzionati con “Vivere in Italia” (Per l’elenco completo consulta il sito  www.vivereinitalia.eu )

I livelli del QCE

Che cos’è il Quadro Comune Europeo di Riferimento per Lingue (QCE)?È un documento  che fornisce una base comune in tutta l’Europa per l’elaborazione dei programmi, degli esami, dei libri di testo ecc. per l’apprendimento delle lingue moderne. Il QCE descrive ciò che chi studia una lingua deve imparare e quali abilità deve acquisire per poter comunicare con le persone che parlano quella lingua. Infine, il QCE delinea una sequenza graduata di livelli comuni di riferimento che permettono di descrivere con precisione la competenza raggiunta da chi sta imparando una lingua diversa dalla lingua madre.   I livelli del QCE sono 6 e vengono usati in tutta l’Europa.  Che cosa sono i livelli A1, A2, B1, B2 ecc. ?Sono i livelli di conoscenza di una lingua (in questo caso la lingua italiana) definiti dal Quadro Comune Europeo. Il QCE presenta sei livelli generali che sembrano coprire adeguatamente lo spazio di apprendimento della lingua:-    A1, Livello di contatto-    A2, Livello di sopravvivenza-    B1, Livello soglia1 -    B2, Livello progresso-    C1, Livello dell’efficacia-    C2, Livello di padronanzaIn particolare, i livelli A1 e A2 corrispondono a un livello elementare, i livelli B1 e B2 a un livello intermedio e i livelli C1 e C2 a un livello avanzato.Qui di seguito riportiamo la scala globale, che grazie ai 6 livelli, dal più elementare al più avanzato, permette di sapere quanto e come una persona conosce una lingua. Tav. 1.  Livelli comuni di riferimento: scala globale Livello avanzato C2 É in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere informazioni tratte da diverse fonti, orali e scritte, ristrutturando in un testo coerente le argomentazioni e le parti informative. Si esprime spontaneamente, in modo molto scorrevole e preciso e rende distintamente sottili sfumature di significato anche in situazioni piuttosto complesse. C1 É in grado di comprendere un'ampia gamma di testi complessi e piuttosto lunghi e ne sa ricavare anche il significato implicito. Si esprime in modo scorrevole e spontaneo, senza un eccessivo sforzo per cercare le parole. Usa la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, accademici e professionali. Sa produrre testi chiari, ben strutturati e articolati su argomenti complessi, mostrando di saper controllare le strutture discorsive, i connettivi e i meccanismi di coesione. Livello intermedio B2 É in grado di comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. É in grado di interagire con relativa scioltezza e spontaneità, tanto che l'interazione con un parlante nativo si sviluppa senza eccessiva fatica e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati su un'ampia gamma di argomenti ed esprimere un'opinione su un argomento di attualità, esponendo i pro e i contro delle diverse opzioni. B1 É in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a scuola, nel tempo libero ecc. Se la cava in molte situazioni che si possono presentare viaggiando in una regione dove si parla la lingua in questione. Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse. É in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti. Livello elementare A2 Riesce a comprendere frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (per esempio informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Riesce a comunicare in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. A1 Riesce a comprendere e utilizzare espressioni familiari di uso quotidiano e formule molto comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare se stesso/a e altri ed è in grado di porre domande su dati personali e rispondere a domande analoghe (il luogo dove abita, le persone che conosce, le cose che possiede). É in grado di interagire in modo semplice purché l'interlocutore parli lentamente e chiaramente e sia disposto a collaborare. Tratto da: Consiglio D'Europa, Quadro comune europeo di riferimento per le lingue: apprendimento insegnamento valutazione, traduzione dall'inglese di Franca Quartapelle e Daniela Bertocchi © La Nuova Italia, Firenze 2002 Come faccio a capire di che livello sono?Di solito quando ti iscrivi a un corso ti viene fatto un test di ingresso che ti dice in che livello sei. Se vuoi capire il tuo livello, puoi anche fare un test online tramite: -    il sito dell’Università di Siena, http://cils.unistrasi.it/-    il sito dell’Università di Perugia, http://www.cvcl.it/categorie/categoria-14Cosa si intende per livello pre-A1, pre-basico, principiante ecc.?Il Livello di contatto A1 è il livello più basso in grado di generare lingua. Il Consiglio Nazionale  Svizzero della Ricerca Scientifica, che ha elaborato e graduato i descrittori del QCE, ha identificato un livello di uso linguistico, limitato all’esecuzione di compiti che corrispondono ai propri bisogni espressi usando una serie di mezzi linguistici molto ristretta ed elementare. Il livello “pre-A1” o “pre-basico” potrebbe corrispondere a questo livello per “Principianti” e definire una serie di obiettivi utili per chi è all’inizio del processo di acquisizione di una lingua (per es. è in grado di fare semplici acquisti, indicando con la mano o facendo altri gesti a supporto della verbalizzazione, è in grado di usare alcune forme elementari di saluto ecc.).Se vuoi cercare una scuola in base al livello, seleziona qui sotto.Corsi Livello PrincipianteCorsi Livello A1Corsi Livello A2Corsi Livello B1-B2Corsi Livello C1-C21 Il Livello Soglia (Threshold Level) è la descrizione dettagliata, adottata dal Consiglio d’Europa, delle abilità e dei contenuti linguistici che deve possedere  chi si trova, come visitatore,  in un Paese straniero. È stato redatto fino ad ora in 18 lingue. Chi ha raggiunto il Livello Soglia B1 è in grado di cavarsela nella vita quotidiana, scambiare informazioni su idee, intenzioni e sentimenti, condurre una vita indipendente, sia sul piano sociale che personale.

IMPARIAMO L'ITALIANO ONLINE


Guarda la nostra nuova area E-Learning con oltre 100 risorse online! Corsi di italiano, esercizi di grammatica, risorse per migliorare il lessico, ascolti, letture, video divisi per livelli. Buon Italiano!!





Le scuole di Italiano: le piú attive su italianostranieri

Icone: fai una ricerca avanzata
News